6 modi per sfruttare i social media oltre la prospettiva

Pubblicato: 2021-07-14

Se le tendenze recenti come "marketing conversazionale" e "vendita sociale" hanno qualcosa da insegnarci, è che i social media sono maturati molto come piattaforma di pura prospezione sin dai suoi inizi

Non per implicare che qualcuno abbia davvero reinventato la ruota qui. Per la maggior parte, i marchi sui social media lo hanno sempre utilizzato come mezzo per trovare ed educare potenziali clienti, aumentare la consapevolezza del marchio e costruire comunità di fan.

D'altra parte, gli obiettivi dei marketer B2B in generale, e sui social media in particolare, si sono evoluti.

Priorità del marketing digitale

Il più recente rapporto di marketing sullo stato della pipeline di Bizible dimostra che invece di dare priorità alla domanda e alla generazione di lead, gli esperti di marketing di oggi stanno enfatizzando i processi di crescita dei lead.

Perché il cambiamento, però?

Il panorama sociale si sta evolvendo e gli operatori di marketing si sono avvizziti. Allo stesso modo, gli acquirenti sono sempre più a loro agio con il concetto di acquisto tramite social, con tre quarti degli utenti social che ora seguono i marchi a cui sono interessati i prodotti.

Non è più un giocattolo nuovo di zecca per i marketer, le tendenze hanno dimostrato che c'è di più nel social che creare buzz a livello superficiale. Con le conversioni che rappresentano una priorità assoluta per i marchi di oggi, i marketer stanno impiegando tattiche e strategie che vanno oltre la prospezione e hanno implicazioni più ampie per i loro profitti.

Di seguito sono riportati sei modi in cui i marchi di oggi stanno sfruttando i social media per incoraggiare quelle conversioni ricercate. Dallo sfruttamento del potere dei dati social all'interazione diretta con i lead, qualsiasi combinazione di queste tattiche va di pari passo con le principali tendenze dei social media del 2018.

1. Vendita sociale

Per coloro che vendono prodotti fisici e digitali allo stesso modo, qui c'è un'enorme finestra di opportunità. Con gli acquirenti che oggigiorno prendono più sul serio i social media come luogo di conversazione con i fornitori, è diventato sempre più importante per i rappresentanti di vendita mantenere profili attivi, creare fiducia, offrire consigli utili alle parti curiose e favorire le relazioni con gli individui.

Nel frattempo, i canali di "social commerce" di vendita diretta adeguati continuano a crescere rapidamente poiché le persone continuano a utilizzare più dei loro gadget tecnologici per più dei loro acquisti.

Mercato globale del social commerce

Tuttavia, non esiste un approccio unico per la vendita sociale. Ad esempio, le tecniche di marketing classiche come offerte e omaggi sono ancora un gioco leale tramite i social. Nel frattempo, le piattaforme di social commerce che trasformano i profili dei marchi in vetrine sono in forte espansione.

Il punto qui è che i marchi non dovrebbero rifuggire dal pubblicizzare i prodotti, a condizione che sia con il tocco giusto. Ciò è particolarmente vero nell'era della maggiore pressione per produrre un ROI sociale positivo e convertire i clienti.

2. Arricchire i dati CRM

Naturalmente, le vendite sui social non si ottengono solo colpendo in testa i potenziali clienti con le offerte.

I brand marketer possono ora sfruttare la potenza dei social media per potenziare i propri CRM, creando una visione più completa dei propri clienti. Inoltre, i professionisti del marketing possono qualificare meglio i potenziali clienti in base alle azioni specifiche che intraprendono tramite i social.

Ad esempio, le piattaforme di gestione dei social media come Zoho Social possono arricchire le voci CRM in base a come hanno interagito con il tuo marchio attraverso i punti di contatto. Ciò potrebbe significare una menzione, un retweet o un commento su un contenuto, oppure potrebbe essere un clic su un annuncio. I marchi possono quindi personalizzare quale di queste azioni qualifica i potenziali clienti come lead e archiviare tali dati nei loro CRM di conseguenza.

Zoho Social Lead Generation

Ciò semplifica il processo di vendita sui social fornendo informazioni su ciò a cui i singoli lead sono più interessati e esattamente dove "la conversazione" si è interrotta, indipendentemente da dove si sta svolgendo. Con molti marchi che lottano per indicare un ROI specifico tramite social, la capacità di legare i tuoi dati CRM ai tuoi dati social è un punto di svolta.

3. Costruire una prova sociale

La prova sociale è una tattica collaudata nel tempo per aumentare i tassi di conversione, motivo per cui loghi, sigilli di fiducia, recensioni e testimonianze sono le basi delle moderne landing page.

Acquisire tali prove è più facile che mai tramite i social media, dove i clienti e i sostenitori del marchio sono spesso più che disposti a gridare alle aziende che supportano. Per raccogliere e promuovere queste risorse, puoi utilizzare uno strumento di ascolto sociale e analisi del sentiment come Sentione, che esegue la scansione del social web per le menzioni e le conversazioni che circondano il nome del tuo marchio e le parole chiave rilevanti per la nicchia.

Puoi anche utilizzare uno strumento di raccolta UGC come EmbedSocial, che ti consente di richiedere ai clienti di lasciare recensioni e valutazioni, utilizzando i loro profili social verificati, che puoi pubblicare sul tuo sito web.

Incorpora social

4. Retargeting degli annunci

Date le implicazioni delle modifiche all'algoritmo di Facebook, i marchi stanno sperimentando sempre di più con tattiche "pay to play", incluso il retargeting di Facebook attraverso un pubblico personalizzato. Con i contenuti organici che ricevono una portata limitata, hai bisogno di tutto l'aiuto che puoi ottenere quando si tratta di mettere a punto gli annunci e il pubblico di Facebook.

In sostanza, i marchi possono raccogliere dati sui lead dalle loro campagne di posta elettronica o dal CRM per poi effettuare il remarketing tramite annunci di Facebook. Attraverso messaggi unici che parlano direttamente ai potenziali clienti che hanno familiarità con il tuo marchio e i tuoi contenuti, i professionisti del marketing possono continuare a rimanere in primo piano e coltivare i lead altrimenti persi. Dopo aver investito nell'acquisizione di un membro del pubblico, non è necessario acquisire un indirizzo e-mail per mantenere viva la conversazione.

Oltre alla piattaforma pubblicitaria nativa di Facebook, anche altri canali social offrono un targeting pubblicitario personalizzato simile, ma nessuno di questi ha la raffinatezza e la portata di Facebook. Gli annunci di LinkedIn, ad esempio, sono ancora proibitivi per la maggior parte dei budget di marketing, ma il suo strumento gratuito "dati demografici del sito web", rilasciato la scorsa estate, può dirti molto sul tuo pubblico, permettendoti di sovrapporre il retargeting di Facebook con parametri sugli interessi del pubblico, per campagne più efficaci.

Linkedin Demografia

Questo tipo di dati ha un valore inestimabile per migliorare gli annunci futuri per capire quali dati demografici e messaggi potrebbero generare l'impatto più importante per il tuo marchio.

5. Analisi competitiva

Anche se l'importanza dei Mi piace e delle condivisioni che i tuoi concorrenti stanno valutando potrebbe essere esagerata, c'è ancora molto che puoi imparare tenendo traccia di ciò che stanno facendo.

Che si tratti di formulare idee per la tua strategia di content marketing o di capire di cosa ha bisogno il tuo pubblico per essere nutrito in modo efficace, prestare attenzione alle metriche social associate ai contenuti rilevanti per il tuo settore è un must.

Proprio come guarderesti alla tua analisi dei social, dovresti esaminare metriche simili tra i tuoi concorrenti. Strumenti come Buzzsumo forniscono una semplice strada per capire di cosa parlano il tuo settore e la concorrenza e possono anche ispirare i tuoi contenuti.

Buzzsumo

Che si tratti di argomenti di webinar, post di blog o magneti guida, guardare i contenuti concorrenti in base ai numeri di coinvolgimento dei social media può offrire una visione illuminante.

6. Coltivazione di livello successivo

I marchi hanno storicamente coltivato lead distribuendo articoli che educano, combinando content marketing e social media attraverso post programmati.

Tuttavia, i social offrono un'opportunità unica di interagire con lead e potenziali clienti anche in tempo reale. Mentre c'è sicuramente potere e portata nel commercio sociale, la capacità di connettersi con i lead in un ambiente conversazionale rappresenta lo stato di nutrimento di livello successivo.

Prendi come esempio la #SproutChat settimanale di Sprout Social. Usando il loro hashtag di marca, Sprout riesce a condurre regolari sessioni di domande e risposte sia per attingere ai punti deboli del loro pubblico sia per entrare in trincea con i loro potenziali clienti.

Questo punto può essere ulteriormente confermato dalla popolarità di video e webinar per coltivare lead. Come notato da Instapage, il 35% dei partecipanti al webinar è coinvolto tramite i social media durante le sessioni. In combinazione con il fatto che il 90% dei contenuti social condivisi è basato su video, i social marketer dovrebbero concentrarsi su contenuti accattivanti (video live, ad esempio) se vogliono continuare a coltivare lead in modo efficace.

Conclusione

Che si tratti di vendere direttamente attraverso i social o di conoscere meglio le persone che hanno maggiori probabilità di interagire con i tuoi post, trarre valore dai social media oltre alla semplice acquisizione di lead e traffico è più facile oggi grazie alla ricchezza di strumenti e strategie disponibili.

Con i professionisti del marketing che mettono le conversioni su un piedistallo rispetto ai potenziali clienti, stiamo enfatizzando le tattiche e gli strumenti che ci mettono in grado di produrre interazioni sociali significative. Ciò non solo pone i marchi sulla strada per un ROI positivo per il tempo trascorso sui social, ma anche per una strategia di marketing complessivamente più ben oliata.